Il Rede Wiccan

Il Rede Wiccan (o anche la Rede) è un canto dove sono raccolti i principi sui quali è fondata la religione Wicca. Vi sono molteplici interpretazioni del Rede, alcune molto poetiche ed altre meno. Rede è un termine ripreso dalla Lingua inglese antica e significa letteralmente “consiglio” o “proverbio”. Il testo originale è parte delle forme tradizionali si riferisce solo alla premessa di “Se non fai male a nessuno, fai ciò che vuoi” La poesia “La Rede del Wicca” è attribuito a Lady Gwen Thompson, fondatore della tradizione NECTW (The New England Coven delle Streghe tradizionalisti). Questa poesia è conosciuta oggi come la “Wiccan Rede”, scritto da Gwen Thompson dalla nonna Adriana Porter, morto nel 1946.

Versione originale in inglese del REDE WICCAN.

Bide within the Law you must, in perfect Love and perfect Trust.
Live you must and let to live, fairly take and fairly give.

For tread the Circle thrice about to keep unwelcome spirits out.
To bind the spell well every time, let the spell be said in rhyme.

Light of eye and soft of touch, speak you little, listen much.
Honor the Old Ones in deed and name,
let love and light be our guides again.

Deosil go by the waxing moon, chanting out the joyful tune.
Widdershins go when the moon doth wane,
and the werewolf howls by the dread wolfsbane.

When the Lady’s moon is new, kiss the hand to Her times two.
When the moon rides at Her peak then your heart’s desire seek.

Heed the North winds mighty gale, lock the door and trim the sail.
When the Wind blows from the East, expect the new and set the feast.

When the wind comes from the South, love will kiss you on the mouth.
When the wind whispers from the West, all hearts will find peace and rest.

Nine woods in the Cauldron go, burn them fast and burn them slow.
Birch in the fire goes to represent what the Lady knows.

Oak in the forest towers with might, in the fire it brings the God’s
insight. Rowan is a tree of power causing life and magick to flower.

Willows at the waterside stand ready to help us to the Summerland.
Hawthorn is burned to purify and to draw faerie to your eye.

Hazel-the tree of wisdom and learning adds its strength to the bright fire burning.
White are the flowers of Apple tree that brings us fruits of fertility.

Grapes grow upon the vine giving us both joy and wine.
Fir does mark the evergreen to represent immortality seen.

Elder is the Lady’s tree burn it not or cursed you’ll be.
Four times the Major Sabbats mark in the light and in the dark.

As the old year starts to wane the new begins, it’s now Samhain.
When the time for Imbolc shows watch for flowers through the snows.

When the wheel begins to turn soon the Beltane fires will burn.
As the wheel turns to Lamas night power is brought to magick rite.

Four times the Minor Sabbats fall use the Sun to mark them all.
When the wheel has turned to Yule light the log the Horned One rules.

In the spring, when night equals day time for Ostara to come our way.
When the Sun has reached it’s height time for Oak and Holly to fight.

Harvesting comes to one and all when the Autumn Equinox does fall.
Heed the flower, bush, and tree by the Lady blessed you’ll be.

Where the rippling waters go cast a stone, the truth you’ll know.
When you have and hold a need, harken not to others greed.

With a fool no season spend or be counted as his friend.
Merry Meet and Merry Part bright the cheeks and warm the heart.

Mind the Three-fold Laws you should three times bad and three times good.
When misfortune is enow wear the star upon your brow.

Be true in love this you must do unless your love is false to you.

These Eight words the Rede fulfill:
“An Ye Harm None, Do What Ye Will”

Versione tradotta in italiano del REDE WICCAN

Osservare la legge del rede dovrai, con tutto l’Amore e Fiducia che hai
Vivi e poi vivere sappi lasciare, onesto nel prendere e giusto nel dare.

Devi tre volte il cerchio tracciare perché i maligni si faccian cacciare.
Lega la formula, legala bene, esprimila in rima come conviene

Dolce lo sguardo e tocco leggero, parla pochissimo e ascolta davvero.
Gli Dei nelle gesta e nei nomi tu onora,
che la luce e l’amore sian nostre guide ancora

Con la luna crescente in senso orario girar dovrai, e con tono gioioso canterai e ballerai
Ma l’opposto dovrai fare se la una calante sarà,
accanto al terribile aconito il lupo ululerà

Quando per la Luna Nuova giunge l’ora, due volte bacia la mano della Signora
Quando la Luna il suo culmine raggiungerà, il desiderio del tuo cuore parlerà

Al vento del nord attenzione prestare dovrai, chiudi le porte alla situazione ti adatterai
Quando dall’est il vento sentirai, imbandisci la tavola, delle nuove tu avrai

Quando dal sud a soffiare sarà, l’amore sulle labbra ti bacerà
Quando è l’ovest ad esser ventoso, i cuori troveranno pace e riposo

Nove i legni nel calderone, bruciali in fretta ma con attenzione
La betulla nel fuoco va, per simboleggiare ciò che la dea sa

La quercia che nel bosco è di possente presenza, nel fuoco porta del Dio la conoscenza
Il sorbo del potere è il signore, della vita e della magia fa il fiore

Il salice sta su rive ambrate per aiutarci a raggiunger la Terra d’Estate
Il biancospino per purificare arderai e così le fate vedrai

Il nocciolo albero di insegnamento e saggezza, aggiunge forza al fuoco nella sua lucentezza
Bianchi sono i fiori dell’albero di melo, che porta i frutti e fertilità sotto il cielo

L’uva sulla vite assai cresce, per chi il vino beve e della vita gioisce
L’abete che sempre verde sarà, ci rappresenta l’immortalità

Il sambuco della Signora è l’eletto, non lo bruciare o sarai maledetto.
Quattro volte per i sabba maggiori festa sarà, nella luce e nell’oscurità

Quando l’anno comincia a sfumare, ecco Samhain, è ora di iniziare
Ecco Imbolc, dal freddo greve che vede lo sbocciar del fior sotto la neve

Quando la Ruota incomincia a girare, comincino i fuochi di Beltaine a bruciare.
Alla notte di Lammas il potere è speciale, e porta magia al rituale

Quattro sabba minori riconoscerai, con il sole quando sono lo saprai
Quando il giro di ruota su Yule è compiuto, brucia il ceppo che regna il Cornuto

Quando giorno e notte son al contempo, di Ostara giunge il tempo
Quando il sole al suo zenit sarà, l’agrifoglio con la quercia lotterà

Quando l’equinozio d’autunno non è lontano, comincia il raccolto del grano
Se cura di fiori, alberi e cespugli tu avrai, la benedizione della Signora sentirai

Là dove l’acqua si va ad increspare, getta una pietra ed il vero traspare
Se di sostegno il bisogno dovessi sentire, l’avidità delle persone non favorire

Se tra gli amici di uno stupido non vorrai sostare, troppo tempo e stagioni con lui non sperperare
In gioia il venire, in gioia l’andare, illumina il viso e il cuor fa scaldare

Ricordare la legge del tre è fondamentale, tre volte nel bene e tre volte nel male
Se la sfortuna non ti lascia stare, sulla fronte una stella devi segnare

Sii sempre leale in amore, a meno che di inganno non sia fautore
Son otto parole la rede per noi:
“Se non fai male a nessuno, fai ciò che vuoi”

 10,785 total views,  2 views today

Translate »